tango a Catania

Tango Longanà
GRAN TANGO IN UNA NUOVA LOCATION

La location, venerdì 22 febbraio si trasformerà in una Milonga/Party e ci ospiterà per farci vivere con un po’ di spensieratezza il tango in un’atmosfera tutta nuova!!!

milonghe a catania,milonghe a catania, serate di tango catania, serate di tango a catania, serate di tango argentina a catania, serata di tango argentino catania, venerdi tango catania, serate di tango catania venerdi, milonga del venerdi a catania
milonga degli abbracci - tango longonà


Practica de Tango: 2018
Aperta a tutti coloro che vogliono ballare in un'atmosfera simile a quella di una milonga...ci ritroveremo in una sala dal fascino Argentino, caratterizata da ambienti caldi e accoglienti... 
.
.
Pratica di tango Catania Daniele Faro e Francesca Pulvirenti Naestri di Tango Argentino

RITORNA ANCORA IL GRAN TANGO NEL LUSSUOSO CENTRO COMMERCIALE A S.G.LA PUNTA - CATANIA...
CI IMMERGEREMO FINO A TARDI PER BALLARE IL NOSTRO... SEDUCENTE TANGO!!

Tango ai Portali


GRAN TANGO NEL LUSSUOSO CENTRO COMMERCIALE A S.G.LA PUNTA -

tango Catania

 

             Vieni a trovarci, siamo in Corso Italia a Catania
 
 

tango Catania

 - Tango Argentino Avanzato a Catania... -

Riservato a un gruppo ristretto, lezioni intensive di
Tango della durata di un'ora
catania tango argentino corsi lezioni serate

EVENTI PASSATI DI TANGO A CATANIATango Catania,Dea Bendata, Tango a Pedara, tango Argentino a PedEVENTI PASSATI DI TANGO A CATANIAara,


EVENTI CORRENTI DI TANGO A CATANIA
tango a catania, milonga a catania, serata di tango catania


EVENTI PASSATI DI TANGO A CATANIA
tango a Pedaracoesi di tango a catania
Tango in Citta "Centro Commerciale San Giuseppe La Rena"
Domenica 30 Luglio vi aspettiamo a "Tango in Città", 
presso il Centro Commerciale CITTA MERCATO, San Giuseppe La Rena - Catania -
Si ballerà in un ampio e fresco spazio riservato a noi tangheri, con un pavimento eccezionale...
La musicalizzazione è affidata a Daniele Faro
******INIZIO MILONGA 18,00 / 21,00 ******
*******INGRESSO LIBERO********

Organizzazione Juego De Tango con la partecipazione di Europa Eventi & DJ Ricki Calzona.

catania tango argentino corsi lezioni serate


Martedì 4 APRILE 2017 “APERITANGO” 
SI RITORNA CON UNA NUOVA MILONGA!!!

Vi aspettiamo al TAPAS lungomare Ognina Catania 
Viale Artale Alagona, 27 per ritrovarci insieme... ballare e poter gustare una buona cucina mediterranea rivisitata dai sapori spagnoli
La musicalizzazione è affidata a TDj Matteo Alecci
********Inizio Milonga 20,30****************

Contributo serata € 6,00 
Comprensivo AperiTango: Aperitivo Buffet Libero
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
Per chi volesse prenotare e gustare la favolosa cucina Spagnola puo contattare il numero : 095 7122546

Organizazzione Juego de Tango (Daniele Faro) 
Per info: 348 2694284
DA NON PERDERE!!! GIOVEDÌ' 4 AGOSTO 2016" MILONGA DE FLORE"

.

 

Se ti iscrivi entro il 30 Settembre 2016 avrai uno sconto del 50%

  affrettati!!!

 Vieni a trovarci, siamo in Corso Italia 280 - Catania

_____________________________________________________________________________

Da  Gennaio 2017 ore 15.30 presso la FIT 280, in Corso Italia n.280, il 1° corso di Tango Argentino a Catania per non vedenti

"BALLANDO AD OCCHI CHIUSI"!!!

catania tango argentino corsi lezioni serate


GIOVEDI' 28 GENNAIO 2016 TANGO EKIPE

(SCOPRI IL FASCINO DELLA STRUTTURA)

                               

catania tango argentino corsi lezioni serate

.

Speciale classe di Tango Argentino a Catania!!!  

 

Vuoi imparare il tango?
Mercoledì 27 Gennaio 2016 ore 21,30 vieni a provare... Daniele & Francesca ti aspettano in Corso Italia n.280 Catania, accanto al bar Europa... naturalmente la prima prova è gratuita!!!
Per voi universitari sarà attivato uno sconto pari al 50% e inoltre tutte le pratiche e le serate organizzate da Juego de tango saranno gratuite!!!
NOVITÀ
Se ti iscrivi entro il 31 Gennaio 2016 avrai uno sconto del 50% sull'intera stagione.....affrettati!!!

 

 

catania tango argentino corsi lezioni serate

Corsi Avanzati di Tango a Catania 2016

Corsi di Tango a Catania per non vedenti

Corsi di tango a Catania per Intermedi

.

PRESTISSIMO!!!!        

peciale tango a Catania ai Portali,Milonga ai portali di Catania, eventi ai portali, tango autunno i portali di catania SPECIALE!!!     

     TANGO"OPEN AI PORTALI" A CATANIA - zona Corso Italia 280 "Palestra Fit 280"

Tango ai Portali

Da Settembre...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Tutti i lunedi - corsi per Intermedi... FIT 280 ORE 21-30

Tutti i mercoledì - corsi Principianti...FIT 280 ORE 21,00

presso Fit 280 corso Italia,280 - Catania

                                                                                                          Contatti

 


 


Contatti

Tutte le Scuole di tango Catania e Sicilia, tango lab, CamininoTtango, Saliba Tango, Omer Tango, Muylindo Tango, Milonga Portena, Milonga della Gioia, Juego de Tango, Del Bario, Maestri di Tango a catania, Daniele Faro, Francesca Pulvirenti, Angelo Grasso, Enzo Mercuri, Valeria Catania, Malena e Luis, Catania Tango, Carina Morudo, Luna Palatios, Francesca Auteri, Rino Faina e Grazielle Pulvirenti, 

catania tango argentino corsi lezioni serate

Daniele Faro & Francesca Pulvirenti Maestri di Tango Argentino

"Scuola di Tango Argentino Catania"

insegnanti di tango Catania, cultori di tango Catania, spettacoli di tango Catania, associazzione di tango Catania, cultura e tango Catania, poesia e tango Catania, serate di tango Catania, stage di tango Catania, film e tango Catania, centri commerciali e tango Catania, felicità e tango Catania, Catania tango, Sicilia tango, barocco e tango Catania, arte e tango Catania, foto e tango Catania, primi passi di tango a Catania, lezioni di tango a Catania, livello di tango a Catania, accademia di tango a Catania, parco comunale s.g.la.punta tango argentino, milonga sotto le stelle Catania, modica tango ,gran finale di tango Catania, sfilate di tango Catania, centro storico Catania tango, fit 280 Catania, fit 280 tango Catania, muoversi nel tango Catania, gruppo di tango Catania,argentini tango Catania, maestri argentini Catania, maestri argentini di tango Catania, esibizione di tango Catania, feste di tango Catania, feste di tango sicilia, lezione private di tango Catania, scuola di tango Catania, viaggi di tango Catania, i poetali Tango Catania, i portali Tango, estate di tango Catania, estate di tango Sicilia, movimento e tango Catania, tango a Catania, lezioni prova tango Catania, lezioni di prova tango argentino catania, tango e pranzo, pranzo e tango lunch,School of Argentine tango catania,tangsicilia tango,Catania,


tango ai palazzi, tango festival,serate tango,serate tango, Catania,lezioni di tango catania, ballerini di tango catania,tango e Papa Francesco, portali e tango, Sicilia Tango, sicilia tango,,, corsi di tango a Catania 3482694284, chiama per i cors di tango a catania il 3482694284, telefono e tango Catania, primi passi a Catania, Sicilia in Tango, serate di tango 3482694284, Daniele Faro e Francesca Pulvirenti Maestri di Tango, organizzatori di tango Catania, tutto sul tango a Catania, dire tanCatania,fare tango Catania, fare tango a Catania, ballare tango a Catania, giovedi tango a Catania, si balla tango a Catania, Sicila tango, Sicilia tango Catania, oggi tango Catania, oggi Tango, Catania ogtango Catania, Daniele e Francesca, milonghe Catania,milonghe a Catania, milonghe in Sicilia, scuola di tango a Catania, gi, restare o giocare a tango, dove si balla a catania,calendario milonghe a catania,milonga della gioia,eventi tango catania,scarpe tango catania,tango festival catania,sconti tango,groupon catania,groupon tango catania,sconton catania,sconton catania last minute,serate tango a catania,abbracci nel tango, calendario milonghe a catania, diplomi di ballo, attestati di tango, danze argentine, folkore siciliano, folkore argentino,compagnia di ballo catania,è il punto di riferimento per professionisti e appassionati di tango argentino in Sicilia.L'alto livello delle esperienze è garantito dalla esclusiva collaborazione con insegnanti, ballerini, DJ e coreografi di Vera Scuola Argentina

Lezioni di gruppo per principianti, intermedi e avanzati, Lezioni private individuali o in coppia, Eventi e Seminari con Maestri di fama Internazionale,Obiettivi didattici di questi corsi:,L'obiettivo che accomuna lo staff di juego de tango Catania è quello di trasmettere in maniera suggestiva e coinvolgente le loro competenze, nel tentativo di offrire agli allievi strumenti sempre nuovi per apprendere, ma soprattutto per creare il proprio personale stile di ballo... "abbraccio che cammina" : la danza di coppia per eccellenza che non conosce limiti di età ed emozione

 ,tango a catania oggi,tango a catania dove si balla,dove si balla tango stasera a catania,dove si balla tango stasera,balla tango, tango tuday, teatro tango catania, spettacoli di tango catania, esibizioni di tango catania, scarpe di tango catania, mondo tango catania, welkom catania tango, festival tango catania, sicilia tango catania, work shop tango catania, italia tango catania, coni danza sportiva, coni catania, siae catania tango, festivalito catania tango, lunch tango catania sicilia, daniele tango catania, francesca tango catania, maestri internazionali catania tango, sito catania tango argentino, folkore argentino catania, spettacoli folkoristici catania tango, lab catania, lab tango catania, radio tango catania, citta caminito tango, argentina caminito tango, laboratorio catania tango, tango lab catania, abrazos tango catania, muylindo argentina tango catania, maestrale tango catania, fantastica tango aeroporto tango catania,programma dei corsi di tango a catania,temi e corsi di tango a catania,lezioni estive di tango a catania,private a catania, lezioni di tango dj , tango a catania, lezionie privata a Catania tanto argentino,tutto il tango a Catania,tango prive, tango di gruppo Catania, foto a catania tango, serate di tango a catania, foto tango, 

LA STORIA DEL TANGO ARGENTINO IN PILLOLE...

6 segreti per essere un tanguero di successo

 
 
Come già scritto nell'articolo precedente, che riguarda la parte femminile, un tango diventa magico quando il ballo è eseguito da due persone competenti e creative, che danno vita a qualcosa di armonioso. Insieme.
Non può  esistere armonia se non si ha chiaro il proprio campo di azione, se ci si ruba il ruolo e lo spazio vicendevolmente, se entrambi puntano ed essere protagonisti nello stesso tempo ed alla stessa maniera. Si farebbe solo un gran casino.

Messi da parte i ballerini professionisti, questo articolo è dedicato agli uomini che ballano nelle milonghe, a quei tangueri che vivono il tango come momento di incontro e condivisione con una donna e con le altre coppie.
Messi da parte i balli su coreografia, questo articolo vi vuole dare consigli su come gestire una tanda in base alle sensazioni del momento.


I ruoli esistono, lasciate che a ballare sia la donna

L'uomo guida, non c'è niente da fare.
A fine '800 non c'era ancora stato il femminismo, l'emancipazione, la par condicio, non esistevano le donne in carriera, le quote rosa e i personaggi femminili dei videogiochi.
Fortunatamente oggi la parità dei sessi è più vicina di allora e, personalmente, mi auguro che il futuro sia sempre più rivolto verso un'uguaglianza totale.
Ma nel tango, che lo vogliate o meno, non è così. "El hombre propone y la mujer dispone", si dice.

Concentrate le vostre attenzioni sulla conduzione della donna, lasciate che gli abbellimenti restino appannaggio della vostra partner.
Planeos, voleos, lapis, non devono essere il vostro primo pensiero; non sto dicendo di non farne, ma non pensate esclusivamente alla teatralità del vostro ballo. Ballereste "da soli".
Il compito dell'uomo è quello di condurre la danza, di indicare i passi alla donna con eleganza, gentilezza e determinazione e di gestire il tutto in relazione alle altre coppie.
Anche quelle ballerine che non lo ammettono apertamente, provano piacere nel ricevere una guida chiara, decisa e allo stesso tempo delicata.
Se una donna ha scelto il tango approva questa distinzione dei ruoli (almeno nel ballo); se così non fosse cambierebbe genere.



Un passo, un trasferimento di peso

Quando guardiamo un tanguero professionista, siamo in grado di ammirare la sua superiorità sin dal primo passo.
Non importa se farà figure spettacolari o meno, sono state imparate a memoria e ripetute decine di volte ogni giorno, in questa sede ci interessa carpire quegli elementi che potrebbero migliorare il nostro tango, che non è basato su una coreografia.

Il vero passo base del tango è di fatto "il passo", ovvero un trasferimento di peso.
Ogni passo comincia con un movimento della gamba libera dal peso del corpo, quando questa è in posizione distesa allora avverrà la spinta della gamba di appoggio con il conseguente cambio del peso sulla gamba che era libera e che diventerà di appoggio.
Se non abbiamo cambiato completamente il peso da una gamba all'altra allora non abbiamo eseguito un passo.
Se abbiamo esagerato nel trasferire il peso allora abbiamo fatto "più di un passo".
In entrambi i casi questo, se non è chiamato da una coreografia, è un errore per la nostra danza e invierà alla nostra partner un messaggio diverso dalle nostre intenzioni.

Postura e gestione del cambio di peso, ecco gli elementi che fanno realmente la differenza; ogni passo è compiuto, pulito, chiaro e deciso. Alla fine il tango, soprattutto quello ballato in milonga, non richiede necessariamente passi scenografici, ma una buona tecnica di base.
Attraverso gli insegnamenti di buoni maestri ed una pratica costante è possibile affinare la propria tecnica.
Prestando la massima attenzione ad imparare la postura corretta, la gestione dell'equilibrio e la conduzione della partner, i passi più avanzati verranno in maniera naturale e senza fatica.

Destra, sinistra, destra, sinistra... questo è ciò su cui dovrete lavorare come si deve se vorrete capire veramente il tango.



Studiate e praticate.

I primi tempi per l'uomo sono decisamente più duri che per la donna.
Una principiante, se guidata da un bravo marcador, riuscirà in qualche modo a fare il suo ballo, bene o male riceverà dei complimenti, tornerà a casa comunque soddisfatta; un principiante (uomo) no.

L'uomo deve conoscere un numero di passi e di figure sufficiente per dare forma ad un ballo piacevole; è verissimo quanto si dice, cioè che una buona camminata sia qualcosa di estremamente piacevole, ma provate voi a far fare una tanda di sole camminate ad una donna e poi ne riparleremo.

All'inizio le frustrazioni e le umiliazioni saranno all'ordine del giorno, ma non mollate.
Avrete la tentazione di segnarvi ad un corso di salsa, ma. se vi piace il tango, non mollate.
Studiate, scegliete buoni maestri, memorizzate una figura nuova e sbatteteci la testa fino a che non verrà fluida e spontanea. Provatela in sala, più di una volta.
Ci vorrà il giusto tempo, non abbiate fretta.
Quando la sentirete vostra, passate ad una nuova figura.
Non vergognatevi di prendere lezioni private per ripassare qualcosa che non viene bene o subito. Tutti i ballerini, anche i migliori in circolazione, hanno approfondito i passi con lezioni e tanta tanta tanta tanta tanta tanta tanta (ho reso l'idea?) pratica.



Il primo pensiero dell'uomo deve essere la sua partner

La più grande differenza tra il ruolo dell'uomo e quello della donna è il fatto che l'uomo debba pensare per due; l'uomo deve tenere a mente, in ogni momento, il fatto che la donna necessiti di indicazioni sui passi da seguire e allo stesso tempo deve pensare ai propri.

Il primo pensiero quindi deve essere rivolto alla propria partner, le vostre attenzioni dovranno essere costantemente per lei per la durata di tutta la tanda.
Il vostro abbraccio dovrà essere comodo, avvolgente, caldo; la vostra guida dovrà essere rassicurante, precisa, sicura.
Ballare con voi dovrà essere emozionante.

Se la partner farà qualcosa di non previsto, nonostante la guida sia stata chiara, siate pronti a modificare i vostri piani. Imparate ad improvvisare. Siate in grado di recuperare la situazione senza farlo pesare né attraverso la comunicazione verbale, né attraverso passi bruschi sgraziati.

Ricordatevi sempre: una donna difficilmente si ricorderà dei passi che le avrete fatto fare, ma non dimenticherà mai come l'avrete fatta sentire durante il ballo.



Aspettate la donna

Mantenere il pensiero sulla donna significa anche aspettare che compia i suoi passi prima di passare al successivo. Questo è un errore che compiono molti ballerini.
Un uomo che non aspetta la propria partner la spingerà o la tirerà a seconda dei casi, farà capire che non la sta ascoltando e trasmetterà ansia o stress.

Messi da parte alcuni casi in cui i passi vengono volutamente tagliati da impulsi dinamici del marcador, si guida il passo alla donna e la si aspetta.

A nessuna donna piace chi le spinge la sedia sotto al sedere dopo averla spostata per farla accomodare o chi le chiude una portiera su una gamba, dopo che la apre con galanteria.
Lo stesso accade durante il ballo.
Abbiamo detto che la donna deve emozionarsi ballando con noi, no?



Studiate la musica.

Non è fondamentale studiare la vita di Juan D'Arienzo, sapere che Carlos Di Sarli nacque nel 1903 o che Anibal Troilo era un mago del bandoneon piuttosto che della trombetta.
Certo la cultura non guasta mai, ma restando nell'ottica di ciò che potrà migliorare concretamente il vostro modo di ballare, imparate a conoscere le melodie su cui ballerete.
Lo stesso brano ha delle sfumature differenti se suonato da orchestre diverse o in diversi periodi storici.

Recentemente in una milonga ho notato una coppia di ballerini, erano belli, eleganti, armoniosi, lui aveva dimestichezza con un gran numero di passi e lei lo seguiva in maniera puntuale e piacevole.... ma completamente fuori dalla musica!  Tutto ha perso senso.
Lo so bene, quando si balla si è molto concentrati e questo spesso aliena dal contesto, ma, di fatto, si balla nella musica.
In che modo si può trovare la spontaneità che rende un tango armonioso e privo di sforzi?
Sicuramente annullando una alla volta le difficoltà.

Memorizzare i brani su cui ballerete vi aiuterà.
Ascoltate ripetutamente nel corso della giornata brani di tango, cominciate dai vostri preferiti scegliendo poi quelli che vengono proposti più frequentemente nelle milonghe.
Sfruttate la pagina dedicata ai brani di simplementetango.com, oppure cercate gli autori che vi piacciono su YouTube (vi consiglio questo sito per convertire un video di youtube in un file mp3 da salvare nel vostro computer: http://www.youtube-mp3.org/it )
Ascoltate i brani di tango mentre fate altro, utilizzateli come sottofondo musicale mentre lavorate al computer o mentre guidate, ad esempio; meglio ancora, se possibile, armarsi di foglio e penna e disegnare cerchietti e quadrati (sì, avete capito bene, cerchietti e quadrati) in accordo ai passaggi musicali.
Entrerà in gioco la memoria implicita, quella memoria che apprendere con il semplice esercizio (in questo caso l'ascolto ripetuto) e utilizzerà le informazioni acquisite in maniera inconscia.

Tradotto in pratica: conoscere l'andamento di un brano vi darà tranquillità e sicurezza.
Sapere in anticipo se un brano rallenterà o accelererà , vi porterà ad improvvisare i giusti passi, a gestire le pause e le riprese, ad utilizzare una camminata dove conviene, alternando camminate a passi più dinamici in accordo ai momenti melodici o ritmici.

LA MUSICA DEL TANGO ARGENTINO

Tango BuenosAires.Tango per le strade di Buenos Aires
Molto spesso oltre a incisioni uniche e famose, non è raro imbattersi in molte versioni di uno stesso brano con orchestre e cantanti diversi.
Fra i cantanti vanno ricordati [[Carlos Gardel]] detto "el Zorzal", [[Angel Vargas]], [[Roberto Goyeneche]] detto "il polacco", [[Edmundo Rivero]], [[Julio Sosa]], [[Nelly Omar]], [[Libertad Lamarque]], [[Tita Merello]], [[Lita Morales]], [[Maria Graña]], [[Alberto Podestà]], [[Alberto Castillo]], [[Carlos Paiva]], [[Antonio Maida]], [[Hugo del Carril]], [[Horacio Lagos]], [[Abel Cordoba]].
Il cantante del momento in questi ultimi decenni è stato senza dubbio [[Juan Darthés]].
 
Tra i musicisti e direttori di orchestra: [[Horacio Salgán]], [[Juan D'Arienzo]], [[Astor Piazzolla]], [[Francisco Canaro]], [[Edgardo Donato]], [[Carlos Di Sarli]], [[Aníbal Troilo]], [[Osvaldo Pugliese]], [[Alfredo Gobbi]], [[Alfredo de Angelis]], [[Julio De Caro]], [[Osvaldo Fresedo]], [[Emilio Balcarce]], [[Néstor Marconi]], orquestra [[Baffa - Berlinghieri]] [[Milan Pucar]], [[Angel D'Agostino]], [[Ricardo Tanturi]], [[Héctor Varela]], [[Enrique Rodriguez]], [[Angel Vargas]], orquestra [[√ictor]].
 
Il tango ha sempre continuato ad evolversi e negli ultimi anni si è affermato un genere conosciuto come [[Tango Nuevo]] o [[tango elettronico]] le cui note accompagnano le esibizioni dei migliori ballerini contemporanei. Seppure manifestate nel medesimo periodo occorre distinguere come le due definizioni non coincidono. Il termine Tango Nuevo si sposa perfettamente con un nuovo stile interpretativo del Tango ballato che ha raggiunto la sua codifica con i contributi determinanti dei ballerini nonché Maestri, Gustavo Naveira, Fabian Salas e successivamente l'eclettico Mariano "Chico" Frumboli. Questo stile è diffusamente utilizzato anche per interpretare musiche degli anni 30 e 40. Col termine Tango Elettronico invece si vuole identificare uno stile musicale nel quale il "beat" elettronico si sostituisce "de facto" al classico "compas" del tango tradizionale. Gli interpreti ballerini di tango elettronico attingono a piene mani dal Tango Nuevo.
 
Nel tango elettronico sono da evidenziare le orchestre: [[Gotan Project]], [[Otros Aires]], [[Tanghetto]], [[Narcotango]], [[Electrocutango]] e [[Bajofondo Tango Club]].
Tra le formazioni contemporanee create da giovani musicisti, arrangiatori e compositori, che raccolgono l'eredità delle orchestre tipiche della cosiddetta epoca d'oro del tango tra il [[1937]] e il [[1955]], ma con uno sguardo rinnovato, troviamo: [[Orquesta El Arranque]], [[Color Tango]] del bandoneonista [[Roberto Alvarez]], [[Sexteto Major]], [[Orquesta Típica Fernández Fierro]], [[Orquesta Escuela de Tango Emilio Balcarce]], ed in Europa l'[[Orquesta Silencio Tango]], l'Orquesta Tango Spleen e l'Orchestra del compositore argentino Alejandro Fasanini "[http://www.hijosilegitimosdeastor.com/ Hijos ilegítimos de Astor]".
 
Fra i Musicalizadores più famosi occorre menzionare [[Felix Picherna]] (di origine Calabrese) come "Custode dell'Arte del Tango" così come designato dall'Academia National del Tango di Buenos Aires, con resolucion CD N° 0021/2008
 
Come ci si muove in milonga (dentro la pista da ballo)

L'andamento del ballo in milonga, si svolge in senso antiorario, partendo dal bordo della pista.
 
In una milonga frequentata da molti ballerini, lo spazio in pista è solitamente ristretto e, poiché il tango è improvvisazione, non è facilmente prevedibile come la singole coppie interpreteranno il brano musicale che stanno ascoltando.
 
Di conseguenza, non potendo assolutamente prevedere cosa succederà alle spalle dell'uomo (che guidando, ha la responsabilità della coppia), costui deve assolutamente evitare di fare dei passi all'indietro, cioè nella direzione contraria al senso di ballo, o meglio gli eventuali passi indietro, andranno fatti possibilmente, verso il centro della pista e/o nella direzione di ballo.
 
Di regola, i ballerini più esperti dovrebbero occupare la parte più esterna della pista, che teoricamente consente maggior velocità.
 
In realtà, non è raro vedere dei tangueri (esperti e non), che si preoccupano esclusivamente del "proprio tango", piuttosto che dell'armonia della pista, rasentando nel ballo più l'esibizione (magari perché "troppo rapiti" dall'emozione innescata dalla musica che ascoltano in quel momento), piuttosto che la passione del tango vera e propria.
 
Il linguaggio del corpo è prerogativa del tango e quindi, durante la durata del ballo, la coppia non comunica con le parole,
le quali interromperebbero l'armonia che si forma in quel momento, dove la musica si trasforma in movimento.
 
Il momento più opportuno per poter parlare, va da dopo che è terminato il brano che compone la tanda, all'inizio di quello successivo, in cui magari brevemente ci si presenta al partner con cui si è ballato (se per esempio questo/a è la prima volta che lo/a si incontra), per poi riprendere nuovamente a ballare in silenzio, e così via fino alla fine della tanda stessa.
 
Di solito, al termine della tanda la coppia si scioglie, ma è comunque la donna a far capire all'uomo, se può continuare a ballare anche quella successiva.

La musica in Milonga
 
La musica in milonga viene proposta dal musicalizador (il direttore musicale del tango o dj che dir si voglia), in gruppi di brani chiamati ''tandas'' (solitamente composta da 4 tangos o 3 milongas o valses).
 
Un buon musicalizador è quello che riesce a creare tande "coerenti", cioè che hanno una continuità per orchestra/direttore/periodo/tipologia dei brani.
 
Solitamente si alternano 3-4 brani di tango definito classico, una cortina, 3 di tango genere vals, una cortina, altri 3-4 di tango classico, una cortina, 3 di tango genere milonga, una cortina e così via.
 
La ''cortina'' è un brano musicale di genere diverso da quelli del tango e che sancisce la fine della tanda. Quasi sempre non è ballabile e solitamente ha una durata inferiore al minuto.
 
La cortina ha comunque un triplice scopo:
*consentire di sciogliere, senza creare situazioni imbarazzanti, la coppia che si era formata a seguito della mirada/cabeceo, ritornando a sedere per un altro invito;
*permettere ai singoli ballerini, di attraversare liberamente la pista, poiché farlo durante la tanda costituirebbe motivo d'intralcio per le coppie che ballano;
*permettere al musicalizador un cambio di stile musicale.
 
Delle volte, alcuni musicalizador inseriscono nel loro repertorio una o due cortine ballabili di durata molto più lunga di quelle normali, proponendo per esempio, brani di genere rock o salsa, accontentando quei ballerini presenti in milonga, che non ballano esclusivamente tango.
 
Ciò accade quasi sempre, in quelle circostanze in cui il musicalizador conosce il "suo" pubblico, assecondando il più possibile i diversi gusti musicali dei tangueri, dato che le milonghe sono frequentate da una popolazione di ballerini molto eterogenea, non solo per quel che riguarda l'età.

Le figure

Un bel tango non è necessariamente caratterizzato da molte figure. Ridurre il tango a un susseguirsi di figure è un grave errore. Il Tango è costruito, per così dire, nel momento stesso del ballo, attraverso l'improvvisazionee e la comunicazione tra i ballerini, nella gestione dello spazio a disposizione.
 
Esistono, come spiegato in precedenza, delle sequenze e figure, insegnate per fini didattici, che codificano la tecnica di improvvisazione:
 
* La Camminata - è la base del tango e malgrado la sua apparente semplicità è forse la figura più difficile da realizzare
* Quadrato o Baldosa - è una figura didattica di sei passi che disegna un quadrato (o meglio un rettangolo). L'uomo partendo col piede destro esegue: passo indietro, di lato a sinistra, avanti, avanti, di lato a destra insieme.
* [[Salida basica]] - è una sequenza didattica di 8 passi. L'uomo partendo col piede destro esegue: passo indietro, di lato, avanti, avanti, unisce i piedi e guida alla donna un incrocio, avanti, di lato, insieme.
* Cadenza - è il tenere il ritmo sul posto.
* Ocho - l'uomo guida alla donna un passo e consecutivamente un pivot (una rotazione col peso portato sulla punta del piede), facendo così in modo che la donna disegni un otto (in spagnolo ''ocho'') con i piedi. A seconda della direzione del passo si otterrà un ocho in avanti (''ocho adelante'') o all'indietro (''ocho par atras'').
* Molinete - tipica figura del tango Salon, nella quale l'uomo e la donna girano camminando attorno all'asse della coppia.
* Giro - l'uomo guida la donna in un giro attorno al proprio asse. La donna è come la ruota di un mulino il cui asse è l'uomo.
* Sacada - Uno dei 2 elementi della coppia invade lo spazio del partner effettuando un passo verso la gamba del partner su cui non c'è peso. Se l'invasione avviene con un passo in avanti si parla di sacada in avanti, se invece avviene effettuando un passo indietro, si parla di sacada all'indietro.
* Parada - l'uomo interrompe col piede il passo della donna. In realtà l'uomo guida un arresto alla donna contemporaneo all'interposizione del piede sulla traiettoria del di lei passo. 
* Barrida - Uno dei 2 ballerini sposta il piede dell'altro ballerino, su cui non c'è peso, col proprio piede. In realtà anche la barrida è un effetto ottico, cioè l'uomo non sposta col piede il piede della donna, ma le guida un passo e lo effettua con lei, mantenendo il contatto tra i piedi.
* Colgada - figura caratterizzata da un abbraccio aperto in cui la coppia è molto vicina con i piedi e lontana con le spalle.
* Volcada - figura caratterizzata da un abbraccio molto chiuso in cui la coppia è molto vicina con le spalle e lontana con i piedi.
* Salti e sollevamenti - figure da show in cui la ballerina effettua figure aeree spettacolari col supporto del partner.
* Sentada - Figura spettacolare da show dove la donna effettua una sorta di "seduta" sulla gamba del ballerino, allungata e tesa verso l'esterno.

"Scuola di Tango Argentino Catania"

 

 

Insegno ballo da parecchi anni insieme a mia moglie, e mi rendo conto che le persone che desiderano imparare a ballare lo fanno per i motivi più disparati. Assai di rado si presenta qualcuno che ci dica che vuole apprendere un certo ballo perché gli piace, ne ama la musica e non vede l'ora di essere in grado di ballarlo in discoteca. Molto più spesso chi si presenta a scuola vuole semplicemente "muoversi un po''" ma non ha voglia di fare un corso di ginnastica oppure vuole conoscere altre persone o semplicemente passare il tempo.Ci è capitato anche chi ci chiedesse di imparare un certo ballo, poi, dopo alcune lezioni, una volta che gliene abbiamo mostrato un altro, ha voluto assolutamente abbandonare il primo ed è diventato un vero fanatico del secondo.Qualcuno, addirittura, si è presentato in palestra dicendo: "Io voglio imparare a ballare: voi che balli fate?"Può quindi essere utile fare un elenco dei balli che più frequentemente vengono insegnati nelle scuole italiane, in modo da dare qualche indirizzo a chi si voglia avvicinare a questo mondo "magico" e possa farlo con maggiore consapevolezza.



Il Merengue

È uno dei ritmi caraibici più popolari in Europa. Si tratta del ballo popolare della Repubblica Domenicana. La sua affermazione in quest'isola ha passato i limiti del mondo della musica e del ballo, facendolo assurgere ad un vero e proprio momento di folclore: essere nella Repubblica Domenicana oggi significa essere sommersi senza sosta da musica Merengue.Questa isola ha avuto una storia assai martoriata: terra di pirati e filibustieri, venne assoggettata dalla Spagna, che successivamente ne cedette il territorio occidentale alla Francia che lo battezzò con il nome, che tuttora conserva, di Haiti. Durante i secoli vi furono conquiste, liberazioni e rivolte di schiavi e ancora oggi, nonostante la ricca industria del turismo, vi sono enormi contraddizioni sociali e sono diffusi l'analfabetismo e la disoccupazione.La popolazione cerca e trova, dunque, in questo ritmo, il pretesto per non darsi pensiero della dura realtà del vivere quotidiano ed il fatto che il Merengue abbia raggiunto una popolarità mondiale li rende fieri e ha fatto scegliere loro questa musica come emblema della loro isola nel mondo.Diversamente da altri balli di origine caraibica, che fondendosi con la tradizione rock e jazz statunitense sono andati incontro a radicali trasformazioni, il Merengue ha mantenuto la propria identità e spontaneità. È un ballo che esprime sensualità, passione e voglia di vivere attingendo dall'energia delle percussioni e riversandola nei movimenti del bacino. In Nordamerica ed in Europa si è accentuata la carica erotica del ballo, tanto che viene insegnato e ballato stando allacciati al partner. In realtà la tradizione domenicana prevede che i ballerini si trovino uno di fronte all'altro ma con i corpi staccati. La carica passionale, in questo modo è meno esplicita, ma pervade comunque la coppia. Personalmente ritengo che stringersi al partner sia un facile trucco per esibire quella sensualità che più difficilmente potrebbe venire espressa stando a distanza. I trucchi possono essere facili scorciatoie, ma non soddisfano lo spirito dei veri interpreti della musica e del ballo.I passi codificati sono in verità ben pochi. Si basa sull'improvvisazione e sulla fantasia, soprattutto dell'uomo, che guida la compagna nelle figure. È il ballo ideale per il principiante: facile, ben ritmato, allegro. L'uomo può imparare facilmente a condurre la donna e questa a rilassarsi per lasciarsi guidare.

I balli cubani

Tantissime danze, anche se non sempre conosciute in Italia, sono nate a Cuba.Questa isola, collegando l'America Settentrionale e l'America Latina, si è trovata da sempre ad essere un punto nodale strategico ed un luogo d'incontro di civiltà, etnie, usanze di varia estrazione. Ancora oggi, infatti, è una sintesi umana, razziale e culturale, formatasi in secoli di convivenza.Proprio da questa mescolanza nacque e continua a nascere la musica cubana, dove troviamo fusi insieme il ritmo e il clima caldo delle danze africane, arricchito dal largo utilizzo della sincope tipica della musica delle popolazioni nere, lo schema musicale base comune ai balli popolari argentini e brasiliani, la melodia europea, soprattutto nell'espressione calda ed appassionata di origine iberica. Dalla Spagna era infatti approdato lo "zapateado": una danza popolare caratterizzata da canto e da chitarre nella quale i ballerini battevano ritmicamente e rumorosamente a terra tacchi, suole e punte che ebbe un'enorme importanza nella storia e nell'evoluzione dei balli cubani.Dalle tradizioni delle popolazioni nere, poi, derivavano anche le cosiddette "campesinas", le "danze delle campagne", che erano musicate da percussioni e da una speciale chitarra a tre corde e che si dividevano in balli religiosi e d'amore, indirizzati rispettivamente alla preghiera, perché gli dei assicurassero la fertilità delle donne e la prosperità della discendenza, ed al corteggiamento.

La Rumba 
È il ballo dei contadini cubani di origine africana, da non confondersi con l'omonimo ballo da sala di origine statunitense che ne rappresenta una recente evoluzione caratterizzata da un'esecuzione diversissima.Le popolazioni nere, cercitivamente introdotte nell'isola, portarono con sé il proprio folclore, che, combinatosi con la cultura cattolica degli spagnoli, favorirono la nascita di balli di suggestione religiosa che descrivevano gli dei del pantheon cubano. Erano i balli della cosiddetta santeria.Altre danze, invece, erano di origine non religiosa e nascevano dai ritmi suonati nelle feste popolari di piazza, come la famosa "Conga".Durante i secoli della schiavitù in alcune regioni i padroni permettevano circa una volta al mese agli schiavi di incontrarsi per socializzare in feste che duravano tutta la notte. Durante queste feste gli uomini ballavano in modo virile e le donne in modo femminile e seducente. Lo scopo era quello di conquistarsi a vicenda.Nella Rumba la donna muove spalle, fianchi e piedi, con portamento altero o indifferente se vuole respingere il maschio o seducente se invece lo vuole conquistare, mentre il ballerino cerca di approssimarsi a lei con fare disinvolto, per poi tentare di affascinarla e lusingarla con le proprie movenze. È quindi il ballo di seduzione per eccellenza. Spesso viene inserito all'interno della coreografia un gioco di abilità tra l'uomo e la donna, nel corso del quale il primo effettua dei rapidi movimenti pelvici a simulare il rapporto sessuale, chiamati "vacunao". Questi possono essere anche fatti con un rapido gesto della mano o del piede. La donna deve ripararsi da questi movimenti proteggendosi prontamente l'inguine con una mano, con la gonna o girando le spalle all'uomo. Vince il più abile e veloce.I tre stili più noti di Rumba sono lo Yambù, nel quale è vietato qualsiasi contatto tra i ballerini, il Guaguancò in cui più intensamente le coreografie esprimono il corteggiamento e più espliciti sono i richiami sessuali e il Columbia, vero e proprio rituale riservato all'uomo, in cui questi dà prova della propria abilità, a volte legandosi ai piedi alcuni coltelli, a rappresentare gli speroni con cui il gallo trattiene la gallina durante l'accoppiamento, e si esibisce in virtuosismi sul ritmo impresso dai percussionisti.La Rumba è consigliata a chi sente nel sangue il ritmo delle percussioni e cerca nella danza un momento di sfogo e di abbandono.

Il Mambo 
Negli anni '30 a Cuba vi fu un periodo di forti agitazioni sociali: scioperi, manifestazioni, movimenti sindacali, eccetera. Si susseguirono alla presidenza diversi uomini: Machado, Martìn, Batista. In questo periodo di profondi cambiamenti sociopolitici vi furono notevoli rivolgimenti anche in campo musicale. Nella classica orchestra di "charanga", l'orchestra tipica di musica cubana, fu introdotto lo strumento delle congas: uno strumento a percussione di origine africana.Ciò fece sbocciare immediatamente nuovi ritmi, il primo dei quali fu il Mambo, nome dedicato al dio della guerra, creato da Oreste Lopez nel 1938 con il nome provvisorio di "Danzon del Ritmo Nuevo".Grazie al famoso musicista Perez Prado, l'autore di "Mambo n. 5", questo ritmo, scandito da una valanga di percussioni ed accompagnato dai fiati, soprattutto trombe, venne fatto proprio dalle big band americane degli anni '40 che lo resero celebre prima in Messico, poi negli Stati Uniti ed infine in tutto il mondo.Immediatamente i ballerini si accinsero ad elaborare un modo per ballare questo nuovo ritmo suonato dalle band ed il ballo Mambo divenne un fatto di costume popolare. In molti paesi venne considerato scabroso per le movenze degli interpreti, ed in alcuni, come ad esempio la Colombia, venne addirittura proibito.In Italia il Mambo divenne famoso anche grazie al cinema, dove comparve nella colonna sonora di film famosi come "La dolce vita" e "Riso amaro".Diffondendosi in tutto il mondo è stato interpretato dai ballerini dei vari paesi nei modi più diversi. In particolare, negli Stati Uniti si sviluppò in modo autonomo e diverso. Qui all'inizio degli anni '30 l'economia era in ginocchio a causa della crisi del 1929. Nel 1932 il presidente Roosvelt diede inizio al cosiddetto "New Deal", il sistema di interventi statali volto a risanare l'economia del paese. La crescita economica che cominciò a registrarsi dal 1935 diede vita anche ad un risorgimento culturale della musica afroamericana, che negli anni precedenti aveva subito un collasso, che raggiunse l'apice della propria celebrità tra il 1935 ed il 1945, con quella che venne definita "era dello swing". Nacquero le orchestre jazz di Luis Armstrong, Duke Ellington, Glenn Miller e Benny Goodman.I locali più famosi di New York, come il "Cotton Club" ed il "Palladium", erano quelli dove venivano alla luce le nuove mode. Fu proprio qui che il Mambo ed in seguito il Cha Cha Cha, suonati da grandi orchestre, decollarono verso la fama mondiale. Tuttavia, mentre il modo di ballare il Cha Cha Cha rimase sempre piuttosto aderente all'originale cubano, il Mambo mutò e divenne un ballo di coppia.Al celebre Palladium di New York nacquero artisticamente i più famosi ballerini di Mambo americani. Influenzato dallo swing e dal Tip Tap, il Mambo divenne un ballo per solisti che si sfidavano in virtuosismi durante lunghi assoli, personalizzati con passi articolati ed elaborati, che vennero chiamati "Mambo Shines". "Shine", in inglese, significa "brillare", ed era riferito alle scarpe dei ballerini, nere e sempre tanto lucide da essere assolutamente sfavillanti.

 

 

Il Cha Cha Cha 
Negli anni '50 a Cuba la situazione politica continuava ad essere vacillante e confusa. Una grande fetta della nazione viveva in povertà. D'altra parte c'era un altro aspetto di Cuba: quello del turismo internazionale e del fasto e l'Havana era appunto ricca di cabaret, case da gioco e night club, tra cui il rinomatissimo Tropicana.Tale concentrazione di luoghi di intrattenimento musicale e di bravi musicisti favoriva la genesi di nuovi stili musicali e fu proprio così che nel 1951 nacque il Cha Cha Cha, che all'epoca si chiamava Mambo-Rumba.Avendo un ritmo molto più lento di quello del Mambo, non lo si poteva ballare con le consuete figure del Mambo, realizzate per un ritmo assai più rapido. I ballerini cubani, quindi, concepirono un metodo di ballo che si fondava principalmente sul movimento ondeggiante dei fianchi. Ai tre cha cha cha corrispondeva dunque un triplo ancheggiamento.Successivamente al movimento dei fianchi si abbinò quello dei piedi ed ebbe origine il caratteristico triplo passo.Come nasce il nome cha cha cha? Vi sono diverse ipotesi. La voce può essere onomatopeica: rappresenterebbe cioè il suono di uno strumento di accompagnamento che all'origine ne segnava la cadenza del ballo, oppure lo scalpiccio prodotto sul terreno dai piedi dei ballerini, dato che sulle prime si danzava in aperta campagna o su spiazzi e piazzole coperte di erba e terra o di altri materiali sui quali era difficile scivolare.Cha-cha, però, è anche il termine con cui si indica uno speciale sonaglio realizzato col baccello di alcune piante. Nelle feste di piazza, nelle danze rituali e nelle celebrazioni religiose, i leader popolari, che conducevano le manifestazioni, ricorrevano a tale percussione per cadenzare il tempo e per marcare l'alternarsi delle fasi del programma.Durante le feste, i giovani cubani cominciarono a ballare il Cha Cha Cha in coppia, poi in circolo o in "rueda", cioè a ruota, scambiandosi i partner sotto la guida di uno dei ballerini.A paragone del Mambo, il Cha Cha Cha aveva il considerevole vantaggio di essere facilmente praticabile dal grande pubblico. La sua esecuzione, infatti, non esigeva peculiari capacità tecniche o doti atletiche ed aveva quindi i requisiti per affermarsi come ballo di società.Fu infatti subito un enorme trionfo e le grandi orchestre da ballo dell'epoca lo resero popolare in tutto il mondo. In Italia raggiunse la sua celebrità soprattutto negli anni '60, grazie a molti successi discografici ed alla soubrette Abbe Lane, partner di Xavier Cugat, che, tramite la televisione, il mezzo mediatico che si andava maggiormente affermando, conquistò il cuore degli Italiani grazie alle sue movenze.

La Salsa 
A Cuba, a metà degli anni '50, mentre i giovani si riunivano nelle sale da ballo a scatenarsi nel Cha Cha Cha, Fidel Castro dava vita alla rivoluzione.Tra il 1958 ed il 1961 la moda del rock and roll e del boogie woogie cominciò a oltrepassare le frontiere statunitensi. Questo modo di ballare arrivò come una valanga a Cuba, dove il regime di Batista favoriva l'importazione di cultura, turismo e dollari dagli Stati Uniti, e mutò profondamente lo stile musicale e del ballo. Il Cha Cha Cha, così influenzato, si sviluppò e divenne un ballo nuovo, che fu chiamato "Casino", perché tale era il nome dei locali dove i giovani si recavano per ballare, ed è quello che noi oggi chiamiamo "Salsa Cubana". Il nome Salsa venne utilizzato per la prima volta dalle case discografiche statunitensi alla fine degli anni '50 per indicare all'epoca la musica cubana in generale. Come una salsa è ricca di ingredienti che formano un tutt'uno omogeneo, così questo genere includeva Rumba, Son, Danzon, Mambo, Cha Cha Cha, influenzati dal Rock and Roll statunitense. Ancora oggi con il termine Salsa si indica un'infinità di generi accomunati dalla medesima tecnica di ballo.Ecco quindi perché, a seconda delle canzoni, con la Salsa si può esprimere allegria come tristezza, sensualità come spiritualità.La Salsa Cubana o Casino viene ballata singolarmente, in gruppo, in coppia o in rueda.Si tratta probabilmente del ballo più diffuso in Italia in questo momento. È conosciuto soprattutto nella sua versione di ballo di coppia. In Europa i ballerini tendono ad eseguire anche figure molto complicate, caratterizzate da complessi intrecci delle braccia. La tradizione caraibica, invece, prevede figure più semplici, ma un più sapiente uso del corpo. I movimenti delle pelvi, del torace, delle spalle, dei fianchi, che attingono dalla ricca tradizione rumbera, sono al centro del ballo dei danzatori d'oltreoceano. Personalmente non sono contrario all'esecuzione di figure complesse ed articolate, ma talvolta mi viene da pensare che queste siano un rifugio in "calcio d'angolo" per chi dovrebbe muovere il corpo in un certo modo e non riesce a farlo.In Italia vengono insegnati diversi stili di Salsa: Cubana, Venezuelana, Portoricana, Domenicana, Free Style, eccetera. Ritengo che il principiante dovrebbe avvicinarsi in primo luogo alla Salsa Cubana: in fondo rappresenta la base su cui si sono sviluppate le altre ed è ricca di sfumature interpretative che fanno sì che i ballerini non si annoino mai nella sua esecuzione.

Il Tango Argentino

  Per quanto possa sembrare incredibile vedendolo ballare, anche il Tango Argentino nasce dalle danze africane degli schiavi deportati a Cuba durante i secoli della tratta. Si sviluppa, nel modo in cui noi oggi lo conosciamo, nei quartieri popolari di Buenos Aires, in un ambiente povero e malsano, durante gli ultimi decenni dell''800. Con il passare degli anni e l'avvento del '900, il Tango cessa di essere solo un ballo popolare, ma diventa prima un genere musicale a sé stante e poi un'occasione di spettacolo. Nacquero infatti in America ed in Europa locali nei quali si poteva cenare ed assistere a spettacoli basati sul Tango.È un ballo che richiede grande capacità, da parte del cavaliere, di guidare la dama, mentre questa deve essere abile nel capire i comandi che l'uomo le dà con le mani, le braccia ed il corpo. È il ballo ideale per chi ha un/una partner fisso/a con il quale può così sviluppare un'ottima intesa di coppia.

Il Samba

In tutto il pianeta l'immagine del Brasile è associata ai festosi e colorati ritmi del Samba. Questo ritmo è divenuto popolare ovunque per la sua forza turbinosa accompagnata spesso da una vena di tristezza. Il Brasile è infatti un'enorme terra, capace di offrire grandi speranze, ma anche di graffiare con brucianti disinganni. La fame è spesso compagna dei contadini e la miseria è sempre pronta a ferire: forse è proprio per questo che la musica Samba, per quanto festosa, allegra e colorata, è sempre velata da una vena di malinconia.Il nome Samba tradisce le sue evidenti origine africane: nella terra oggi corrispondente all'Angola i giovani indigeni ballavano una danza locale chiamata Semba per propiziare la divinità collegata all'amore ed alla fertilità.La forza di questa musica sta certamente nel ritmo, tanto travolgente da travalicare i confini nazionali e continentali e da diventare presto ovunque un sinonimo di festa. Il Samba è diventato quindi un vero e proprio ambasciatore del Brasile in tutto il mondo.La moderna versione del Samba nasce tra il 1910 ed il 1920 dall'esigenza di contenere le movenze scatenate dei ballerini all'interno degli spazi angusti delle sale da ballo. Il suo ascendente diretto è probabilmente il Samba Carioca, così chiamato perché veniva ballato dai contadini della regione del fiume Carioca. All'inizio del '900 i neri delle province che si recavano a Rio de Janeiro in occasione del tradizionale carnevale, vi introdussero questo ballo. Quando, nel 1933, Fred Astaire e Dolores del Rio portarono il Samba sul grande schermo venne fatto il grande salto internazionale.Normalmente si tratta di un tipo di musica molto ricco, impreziosito dalla fusione di un'infinità traboccante di strumenti e di armonie. Le composizioni finalizzate al ballo sono caratterizzate dalla presenza imperante delle percussioni, mentre quelle scritte più per un fine di ascolto puntano maggiormente sull'esplosività dei fiati e sulla solarità degli arrangiamenti.In Italia il Samba è famoso soprattutto per due cose: dal punto di vista musicale per le sue interpretazioni da parte di famosi artisti della canzone e, dal punto di vista del ballo, per il trenino, che abbiamo tutti sicuramente visto o addirittura ballato in qualche festa.

La Lambada

Ballo voluttuoso dal ritmo irresistibile. La sua origine è recente e risale alla seconda metà degli anni ottanta. La presenza caratteristica delle percussioni lascia trasparire radici legate alla tradizione musicale comune trasversalmente a tutta l'America Latina. La sua paternità, infatti, viene rivendicata da almeno tre paesi: Bolivia, Brasile e Cuba.La sua caratteristica più evidente è la vicinanza dei corpi dei ballerini, che entrano in contatto tra di loro con le braccia, le gambe, l'addome, eccetera. Nella Lambada, perlomeno nella sua versione europea pare che tutto sia permesso, purché serva ad esprimere sensualità.Apprese le basi dei passi e dei movimenti, molto è lasciato all'improvvisazione personale ed alla libera interpretazione.Alle sue spalle non c'è una tradizione storico culturale: sia la musica che il ballo sono il risultato di una riuscita operazione di marketing che fece dell'estate del 1989, in tutto l'occidente, la "calda estate della Lambada".

I "Classici"

Valzer, Mazurka e Polka sono i balli eleganti per eccellenza. Sono i balli delle fiabe, quelli che nella nostra immaginazione vengono danzati dal principe e da Cenerentola alla festa al castello.

tango salon catania, balera tango sicilia, balera catania, balera, salon tango, catania salon tango, serate di tangoa catania, salon tango serate, milonghe di tango a catania, dove si balla a catania, dove si balla, si balla al salon di catania, si balla tango al salon di catania, associazione di tango a catania, associazione culturale di tango a catania, daniele faro e francesca pulvienti, maestri di tango a catania, salsa tango,merenghe e tango catania, salsa e tango a catania, posti dove si balla a catania, posti dove si balla tango a catania, saloni di tango a catania, esposizione di tango a catania, esposizione di scarpe da ballo a catania, esposizione di scarpe da ballo in sicilia, tutto tango, balla il tango a catania, balla il tango in sicilia, lezioni di tango a catania, lezione individuali di tango a catania, sicilia tango, tango in sicilia, tutto su festival di tango a catania sicilia, scuole di tango a catania, scuole di tango in sicilia, tutto sui maestri di tango a catania, Tango A Catania: portale del Tango Argentino con foto, video, corsi, calendario milonghe e e info sulle scuole e le lezioni di Tango,Scuola di Tango Argentino a Catania. Eventi, serate, stage di tango a Catania e in tutta la Sicilia. Corsi di formazione, tango  Sicilia. Show, Milonghe, Workshop, Stage ed eventi di tango, likebana tango catania sicilia, dea bendata a catania tang sicilia, saloon tango catania sicilia, congressi tango a catania, bbraccio di tango a catania sicilia, sede di tango a catania, corso italia tango argentino catania, personalità ed energia col tango a catania, turismo e tango argentino in Catania Sicilia, pproggetti di tango a Catania, insegnare il tango a catania, musicalizador di tango a catania, corsi di postura maschile e femminile ditango a catania sicilia, tango smarter, tango in  coppia a catania, tutte le scuole a catania di tango argentino,